In fermata

Devo fermarmi,
per capire se vivo per me
o per gli altri

Devo fermarmi,
per trovare
ancora un senso
unitario
al mio agire.

Devo fermarmi,
per riassaporare
l’odore di terra bagnata
e di erba tagliata.

Devo fermarmi
ad ammirare ancora
le impronte sulla sabbia
e respirare
la salsedine.

Devo fermarmi,
per poter poi,
forse,
riprendere il cammino