Tre chiodi

Ho mentito, scordato, disprezzato:
tre volte ti ho inchiodato alla croce.
Ho vissuto di me, sprecato il tempo, ignorato:
tre volte ti ho inchiodato alla croce.
Ho urlato, gridato, insultato
tre volte ti ho inchiodato alla croce.
Mi son dimenticato di te, t’ho rinnegato, tradito:
tre volte ti ho inchiodato alla croce.
Quanti chiodi piantati nel legno,
insanguinandomi le mani,
le vesti,
l’anima.
Sporco e indifeso ho chiesto perdono,
mentre morivi anche per me,
che ancora oggi,
umanamente continuo
ad inchiodarti alla croce.